Concorso Letterario, Fotografia, Photography

“HARAN THE DOGO” di Giovanni Ruggiero

“HARAN THE DOGO” di Giovanni Ruggiero

HARAN THE DOGO 

Mezzora. Tanto c’era voluto per riuscire a lasciarci alle spalle tre morti e cinque auto della polizia.  

Eravamo stati veloci e implacabili come i banditi del West, come i fratelli Dalton, come Butch Cassidy e il Mucchio Selvaggio. Ma ce l’avevamo fatta, eravamo al sicuro. Al sicuro in mezzo al nulla se non fosse per un vecchio casolare decrepito. 

Io ero uno della banda. L’addetto alla guida, il pilota. Ero un poliziotto fino a qualche mese prima e qualche settimana dopo, eccomi al volante con una rapina da fare. 

Ce l’avevamo fatta. Ed eravamo tutti su di giri: “Siamo ricchi!” urlava Einstein, “Puttane e cocaina a chili, cazzo” delirava Zatoichi mentre aveva gli occhi al cielo e le vene gonfie sul collo. “Me ne vado a vivere a Parigi” bisbigliava aggressivamente Sigmund, “Voglio una villa con la piscina, voglio le cameriere e voglio anche un fottuto cavallo nero. Anzi nero con una stella bianca nel bel mezzo della fronte”. “Certo O’Hara, il cavallo. Ti ci vedo con quei capelli e la barba rossa sul cavallo, magari vestiti di verde e mancheranno solo la fata e l’unicorno al quadretto”. Bulgakov era l’acido della banda. 

Ridevamo di gusto nell’offenderci a caso: cazzo eravamo al vertice della piramide criminale. 

I sogni erano tutti lì: cosa ci avremmo fatto mai con tutti quei soldi? E le risposte erano facili: case, auto di lusso, droga, armi. 

Deliravamo attorno alle nostre mancanze dei piccoli stronzi comuni quali eravamo. Erano I soliti discorsi che i banditi fanno prima di avere i soldi. Ma noi ora i soldi li avevamo per davvero. E quello che avevamo in testa, era che tutti avremmo smesso di essere operai, spazzini, minatori. Avevamo tirato fuori le palle, strizzandole talmente forte, da farci schizzare gli occhi e ora eravamo ricchi. Odiavamo il grigio delle nostre esistenze. Volevamo essere frivoli, scintillanti e brutali. Non puoi stare sull’Olimpo vestito da operaio. Ci vuole stile sull’Olimpo. 

Mentre eravamo presi a compiacerci con la bava alla bocca, i morti alle spalle, gli sbirri che ci davano la caccia, la sofferenza, i danni… era tutto dimenticato, come se non fosse accaduto. 

Cazzo, era andato tutto liscio e per inciso: tre morti fanno parte del tutto liscio, sarebbero i famosi rischi di impresa. Ma i rischi erano anche dei tre morti, non puoi pensare di portare quintali di soldi, ori e diamanti in una dannata banca, senza immaginare che ci sia qualche figlio di puttana disposto a fotterteli, non funziona così.

Coglioni ricchi, talmente ricchi e talmente coglioni da sentirsi perennemente al di sopra di noi poveri stronzi. Eravate sull’Olimpo dei ricchi e dei sicuri, noi vi abbiamo reso mortali. 

I rischi del mestiere, i rischi di essere ricchi. 

Eravamo lìa commentare la rapina come i tifosi al derby, tra risate, eccitazione epacche sulle spalle, esaltati e onnipotenti. 

Eravamo in dieci, dieci felici ed esaltati bastardi. Eravamo un kraken senza testa, dieci tentacoli senza un comando. Mancava l’undicesimo e non un undicesimo qualunque. 

Haran non ha detto nemmeno una parola quando è arrivato, nulla. Niente se non un quasi silenzioso “Prendetelo”, indicandomi senza guardarmi. Mi chiedo come gli altri facessero a sapere che ero proprio io quello che doveva essere preso. 

Nel giro di tre secondi ero in ginocchio con la canna della sua Walter P38 in bocca, mentre lui in bocca aveva una sigaretta. Aveva perennemente una sigaretta accesa e tenuta al lato della bocca. Il fumo che si innalzava, faceva si che socchiudesse l’occhio sinistro, cosa che gli conferiva un aspetto quasi buffo. Quasi. 

“Dai Haran….come facevo ad ucciderla. Avrà avuto 8 anni al massimo. Cosa cazzo ti aspettavi che facessi? Davvero immaginavi che sarei riuscito a passarle addosso tranquillamente?” 

Questo era quello che pensavo. Ciò che invece riuscivo a pronunciare erano grugniti sofferti e sanguinolenti e, mentre tentavo di articolare parole e suoni, dai lati della bocca uscivano rivoli di sangue, saliva e pezzi di denti rotti. 

Quel bastardo non mi aveva semplicemente messo la pistola in bocca. Me l’aveva forzata mentre avevo ancora i denti serrati. 

“Senti Susan” esordì: “dovevi solo guidare”. Continuava a fissarmi: “Capito? Lo stronzo qui doveva fare una cosa soltanto, UNA SOLA”. E mentre parlava, mentre il suo disprezzo mi si attaccava sul viso come una maschera, girava e muoveva la pistola nella mia bocca, spingendola ancora più a fondo nella mia gola. 

“Una cosa ti avevo detto di fare, anzi Vi avevo detto, cazzo. È tanto difficile da capire? No TES TI MO NI, Capito? No, è facile da capire, tu sei uno sbirro quindi lo sai cosa vuol dire obbedire ad un ordine. Cosa cazzo vuol dire NO TES TI MO NI? Cosa cazzo ti immagini che voglia dire NO TESTIMONI DEL CAZZO BRUTTO SBIRRO DI MERDA?! Ma forse non mi ritieni degno di darti degli ordini. Ehi questo pezzo di merda sta dicendo che non ho le palle per fare il capo”.

Avevo necessità di pisciare, ma non volevo pisciarmi nei pantaloni. 

In quel momento oltre alla saliva e al sangue che iniziavano a gocciolare per terra, stavo iniziando a piangere ad occhi chiusi: come i bambini davanti al mostro: chiudono semplicemente gli occhi. Non mi andava di aggiungere altri fluidi corporali. 

“Se hai capito quello che sto dicendo fai un cenno con gli occhi”. 

Riuscii a battere le palpebre. 

Le risate di prima avevano ceduto il posto ad un’aria cupa e pesante. Tutto sapeva di esecuzione. Susan mi aveva chiamato. 

Haran era fatto cosi: se qualcosa andava storto, se lui riteneva che avessi mandato qualcosa a puttane, iniziava a chiamarti e a trattarti come se fossi una donna. Non ho mai capito il perchè, gli piaceva semplicemente farlo. Odiava le donne Haran, ma credo sia più giusto dire che odiava tutti. Aveva una filosofia di vita semplice: sono qui e devo andare lì, la via più veloce è la linea retta, se ti trovi in mezzo alla linea mentre la percorro, per sbaglio o per sfortuna, sono davvero cazzi tuoi. 

Ecco: io ero nel bel mezzo della fottuta linea retta. 

“No testimoni, vuol dire no testimoni. Non ha importanza se hanno otto o ottanta anni. Sai cosa accadrebbe se lei dovesse parlare e riconoscerci? O ricordare qualche cazzo di numero di targa? No, non lo sai. E sai cosa? Non lo saprai, Susan. Tra poco avrai un ulteriore orifizio, dalla gola alla nuca. Vedilo come un modo veloce per far uscire l’anima”. 

Haran lo chiamavano il Dogo, come quei malefici cani ammazza puma dell’Argentina. Feroce e senza alcuna paura. Non credo avesse mai cambiato pantaloni, camicia o scarpe. Ma forse aveva un guardaroba tutto uguale. Era grigio in faccia e con i capelli impomatati e sempre, sempre rasato. Le occhiaie incupivano ulteriormente gli occhi da pazzo psicopatico che si ritrovava. Aveva un unico vezzo: le pistole. Cazzo se gli piacevano le pistole. Ne aveva diverse e tutte personalizzate. Le cambiava in base all’umore, come uno cambierebbe un paio di scarpe o una cravatta. 

La pistola che mi aveva sfondato i denti e che di lì a poco mi avrebbe ucciso aveva l’impugnatura rivestita in legno. Era nera e senza un graffio, appena fatta brunire; il calcio era rivestito di olivo con delle tonalità quasi rosa, con venature verdi e grigie, odorava di olivo e sudore. 

Avevo in bocca l’odore sinistro di quell’orrendo liquido per la brunitura; e mentre ero a pochi minuti dal farmi esplodere la testa, pensavo ai danni che avrebbe fatto quell’acido sui denti.

Il tutto mentre aspettavo di morire con una pistola che profumava di legno. 

Aveva qualcosa di elegante la sua pistola. Aveva qualcosa di elegante Haran, con quella pistola. Aveva l’aria di un dannato avvoltoio. Una volta un tizio disse ridendo “Haran, lo sai che puzzi di morto?” 

“Hai ragione”, rispose un attimo prima di sparargli in faccia. Aveva un senso dell’umorismo lugubre in effetti. Forse per questo raccolse con la mano un po’ di sangue dal volto ridotto in pezzi per poi strofinarselo addosso. “Sai una cosa? Avevi ragione. Puzzo di morto”. 

Aveva qualcosa di elegante Haran con quella pistola, ma di certo non le intenzioni. 

Leccavo la bocca di fuoco della pistola nella lontana speranza che la lingua potesse servire a qualcosa, magari a far calare l’erezione di quel cannone. Avevo visto leccare canne di fucile solo alle ballerine che facevano spettacoli sexy per i marines. Ma i soldati che assistevano riuscivano anche ad eccitarsi. 

Beh…io non esattamente. Loro assistevano a ballerine voluttuose che si prodigavano in pompini simulati sulla canna difucili di assalto; invece adesso il pompino lo stavo facendo io e non ero nemmeno lontanamente eccitato. 

L’orgasmo non sarebbe stato per nulla divertente. Per me. 

Mi passava per la testa che tra le tante pistole avevo in bocca quella con gli innesti di olivo. A me piaceva l’olivo. Avrei preferito quella con i decori fatti col bulino? Non lo so. Di lì a poco non avrebbe avuto poi cosi importanza. 

Il colpo non era stato annunciato. Un’esplosione troppo vicina per poterne distinguere la direzione. All’improvviso semplicemente gli occhi smettevano di vedere, le orecchie sentivano il più tremendo ronzio mai sentito e le gambe non reggevano più il mio peso. Non avevo capito cosa fosse successo. Non l’avevo mai immaginata cosi la morte. 

Cadevo faccia per terra, mentre il proiettile uscito dalla nuca, si conficcava nel grosso cancello di legno di quel casolare. Avevo davvero un buco grosso come una noce sulla nuca. E poi il sangue. L’ho sempre immaginato rosso, rosso vivido, rosso sangue. Se esiste una cosa rossa, questa cosa è il sangue. Ma invece è nero. Cazzo, sembra catrame. È rosso solo se lo vedi controluce. Il mio, sparso sulla porta come un dipinto di Pollok, era nero. Il mio cervello in pezzi sembrava l’opera concettuale di un artista sotto acido. 

Mentre morivo stavo diventando un’opera d’arte del cazzo.

Pensavo che sarei diventato un’ulteriore tacca sul calcio della pistola di Haran. Pensavo a quella maledetta stronza di 8 anni.


Giovanni Ruggiero

Fotografia

Le Bambine di Randstad1969

Una delle prime fotografie rinvenute nei nostri rullini è stata quella che è diventata l’immagine iconica del progetto,le tre bambine in bicicletta.

coperta (1)

Man mano che il nostro lavoro di sviluppo è andato avanti abbiamo potuto vedere che sono una costante per l’occhio del nostro sconosciuto fotografo, che romanticamente ci piace immaginare come il loro papà così attento a rendere indelebile ogni giorno della loro vita.

img159

img006

La maggior parte dei negativi contiene un momento della quotidianità di queste bimbe a volte in compagnia di una donna che possiamo supporre essere la loro mamma.

Una di queste foto ha ispirato la nostra carissima amica Raffaella con una dedica che potete leggere ed ascoltare QUI.

Vi lasciamo alle immagini e vi ricordiamo di contattarci per chiederci come contribuire al progetto Randstad1969.

img297img289img287img285img269img096

Photography

Randstad1969…In Tour..Incontra il Vostok100K (La video intervista)

Molti di voi ricorderanno che poco più di un mese fa abbiamo incontrato,nella suggestiva cornice di  Bagni VittoriaLorenzo Scaraggi, un viaggiatore narratore di storie come ama definirsi, che a bordo del suo Vostok100K  ha percorso il viaggio a ritroso intrapreso da Pier Paolo Pasolini nel 1959 da Ventimiglia a Trieste “La lunga strada di sabbia”. Il suo viaggio, #Lungomareitalia, lo ha portato a percorrere lentamente a bordo del Vostok100k le coste italiane alla ricerca di incontri, luoghi, tradizioni e storie da raccontare. Lorenzo sin dal primo istante è rimasto colpito dalla storia delle pellicole di Randstad1969 ed è per questo che ha deciso di fare tappa da noi e salire a bordo di Civico Zero dove ci ha fatto qualche domanda ed ha potuto ammirare una selezione delle fotografie stampate.

Queste le sue parole per introdurre al video che vi invitiamo a guardare per conoscere meglio il lavoro svolto finora.

Nel corso di #lungomareitalia, il mio viaggio lungo le coste italiane, mi è capitato di viaggiare nello spazio, nelle parole della gente che ho incontrato, viaggiare attraverso i luoghi e le tradizioni.
E mi è capitato anche di viaggiare nel tempo, indietro nel tempo.
A Vasto, presso Bagni Vittoria ho incontrato Pierluigi e Davide, papà dell’associazione CivicoZero che altro non è che un’associazione cuturale itinerante che ha sede in un vecchio camper.

Pierluigi e Davide da un anno stanno viaggiando nel tempo grazie a Randstad 1969 (www.randstad1969.com) un progetto fotografico molto ambizioso: hanno comprato una misteriosa scatola con decine di rullini fotografici avvolti in un foglio di un giornale olandese del 1969, il Randstad.
Attraverso raccolte fondi e piccole azioni di autofinanziamento i due ragazzi abruzzesi stanno rivelando un mondo, quello contenuto nei rullini che vengono sviluppati poco per volta, che altrimenti sarebbe rimasto impigliato nelle pieghe dell’oblio.

Grazie Lorenzo e come sempre Vostok100k avanti tutta!!

Photography

Periferie dell’anima

 

 

Mio padre ci veste sempre uguali

È come se volesse livellare l’amore dandogli una forma estetica rassicurante

Siamo statue in bianco e nero alla periferia del suo antico dolore

“Fiori in mezzo ai fiori” ci dice prima di scattare l’ennesima fotografia in mezzo ad una campagna incerta

Sotto un cespuglio orgoglioso di gemme

Le mie sorelle paffute assecondano la sua fame di ricordi, ci provano a sorridere, anche se le mani lungo i fianchi esprimono una stanchezza lunare

Io vorrei fuggire ogni volta che ci disegna in un quadro e rovinare la prospettiva e mettermi a saltare e urlare e strappare petali a manciate

Lui si lamenta, dice che sono troppo rigida…una posa innaturale…

Innaturale tutta la nostra vita di bambine che crescono a dispetto di tutto il vuoto intorno

Papà trascorre un tempo molto lungo a togliere polvere dalle credenze antiche, dalle porcellane finissime, dai gioielli di mamma

Un giorno di settembre incartato di nebbia mamma ci ha baciate sulla guancia e si è lasciata inghiottire dal fiume di un sogno

Mentre spariva dolcemente papà l’ha fotografata

Da allora noi viviamo sempre in posa con il cuore che decide di sospendersi prima dell’ennesimo scatto

 Io sono la più grande e per questo sento il peso di una tristezza più grande

Stamattina mi sono svegliata che ancora la notte respirava sul giorno e ho aspettato che la luce sciogliesse l’attesa della natura

Ho pensato a come tutto si muove intorno, a volte anche in modo impercettibile

E a quanto sia difficile fermare la vita

Quando papà ci dice di stare ferme, così… in posa plastica… sistemando riccioli e pieghe delle gonne ho paura di morire

Di finire l’innocenza in quella bugia

Per fortuna però tutto ricomincia, tutto si muove, tutto diventa qualcos’altro

Devo prendere l’ultimo rullino e nasconderlo al mondo che verrà

Io e le mie sorelle stamattina costruiremo un meraviglioso aquilone.

[ Raffaella Zaccagna ]

Photography

Quota 41 per Randstad1969

Il 41 non sta per la temperatura di questi giorni d’estate anche se, quando il nostro stampatore Franco Glieca ci avvisa che sono pronti i nuovi sviluppi la temperatura sale e non poco!

Avrete capito che 41 è il numero di pellicole sviluppate finora, un traguardo questo che dobbiamo ai tanti amici che ci seguono e che hanno deciso di sostenere il nostro progetto.

Per ringraziarvi tutti da oggi aggiorneremo la galleria delle immagini trovate ogni 10 pellicole sviluppate.

Di seguito il primo editing.

Fateci sapere cosa ne pensate!!

img161img057img307img208img199img055img160img050img303

Restano ancora 100 rullini da sviluppare, chiedeteci come fare per avere una stampa e così contribuire a Randstad1969!!

Photography

Crowdfunding Randstad 1969 – 39 giorni per scrivere una pagina di storia

Qual’è il momento esatto in cui nasce un’emozione?
In quale luogo si fermano le storie interrotte?
Cosa le blocca?
Cosa le libera?
E cos’è che le fa tornare con urgenza, con prepotenza fino a mutarle nella loro forma definitiva?

Centoquarantuno rullini fotografici mai sviluppati impressi nei Paesi Bassi da un fotografo di cui non conosciamo il nome.
Una storia che inizia nel 1969 e che oggi può essere letta attraverso il progetto di crowdfunding appena lanciato sulla piattaforma KissKissBankBank.
Ti sarà riconosciuta una ricompensa per ringraziarti della collaborazione.
E ti ringraziamo anche a nome del fotografo ignoto.
Col tuo contributo toglieremo la polvere depositata in quasi cinquant’anni.
Insieme troveremo risposte, altre domande, sguardi, luoghi.
Conosceremo gli occhi di un fotografo e la loro geografia emozionale.
Sveleremo tante storie, tanta storia.

A questo link la pagina per accedere al Crowdfunding con tutti i dettagli

https://www.kisskissbankbank.com/it/projects/randstad1969

1Downloads1Randstad19691Downloads11Randstad72dpi1Selezione Cartoline e ricompense1