Concorso Letterario, Fotografia

” 30-50 FL ” di Liliana Ranalletta

Era notte. Sdraiato sul letto, fumavo una sigaretta e ascoltavo la pioggia battere alla finestra.  Mi domandavo quando sarebbe cessata e se, il mattino dopo, avrei avuto voglia di una passeggiata.

Concorso Letterario, Fotografia, Photography

“La piccola storia di Pim” di Italo Papini

Il gatto ciondolava esausto, come un dente solitario nella bocca di un vecchio 

Concorso Letterario, Fotografia, Photography

“IL LUCCIO” di Luca Maffucci

“Sai che nello spazio non c’è gravità e gli astronauti galleggiano nell’aria?”

Concorso Letterario, Fotografia, Photography

“Bea e le sue lettere per il cielo” di Rossana Lucia Boi

Quelle lettere che venivano puntualmente scritte, una al mese, non avevano un vero destinatario. Bea, la più piccola delle tre figlie, non sapendolo, e non sapendo ancora ne scrivere ne leggere, continuava a spedirle.

Concorso Letterario, Fotografia, Photography

“Un baule impolverato” di Barbara Pasquariello

Il loro desiderio più grande era sempre stato quello di poter invecchiare insieme e trascorrere il buen retiro su una pilotina, ormeggiata in uno dei canali dell’isola di Marken, a nord di Amsterdam.

Concorso Letterario, Fotografia, Photography

“La scatola di Carl” di Eliana Barlocco

“E se domani non venissimo?” Carola pose la domanda mentre uscivano dal cimitero.

Concorso Letterario, Fotografia, Photography

“-J- Randstad 1944 ” di Umberto Cinalli

Dal lunedì al venerdì consegno auto alle concessionarie del distretto di Ranstad..

Concorso Letterario, Fotografia, Photography

“300 Ombrelli nella nebbia” di Filippo Cirino

-“Anche oggi nebbia…” -“Fino a marzo qui è così, lo sai. Se non ti trovi bene, puoi andartene”

Concorso Letterario, Fotografia, Photography

“O mio Capitano.” di Agostino di Sciullo

“Capitano? Capitano?” Il Vecchio adorava quando lo chiamavo così...

Concorso Letterario, Fotografia, Photography

“Il campo di Girasoli” di Vilma Buttolo il racconto terzo classificato

Osservandoci tutte tre insieme avrebbero detto che non eravamo felici. Forse un po’ per le nostre espressioni sempre imbronciate o forse perché eravamo mal vestite, troppo grasse troppo magre.